Waiting for the bus, la storia

Wftb è un progetto che nasce dalla mano dell’uomo e dal pensiero di una donna che nelle sue esplorazioni ha scoperto ed imparato come rieditare il bello e ben fatto del saper fare italiano. È un affascinante viaggio di recupero del più ricco artigianato italiano da Sud a Nord alla scoperta di oggetti in cui il Made in Italy è ancora una tradizione, una ricerca, una passione, un lavoro di mani che sanno trasformare la materia grezza in manufatti di grande fascino secondo antiche storie di rara bellezza tramandate nei secoli. Wftb reinterpreta in chiave contemporanea icone, tradizioni e materie prime a volte dimenticate facendo omaggio alla tradizione italiana. Rende attuale ciò che ha una storia antica senza perderne la memoria, il sapore, il gusto. E’ la tradizione che si fa design e crea un’estetica senza tempo, senza confini, senza sosta…

Germana Scapellato siciliana di nascita e milanese da vent'anni, ha frequentato l'Istituto Europeo di Design di Milano dopo gli studi in diritto. Nel 2013 fonda Waiting for the bus, dove le sue grandi passioni si convergono: viaggi, arte e casa come luogo del cuore e dell'ospitalità.

Waiting for the bus, story

Waiting for the bus is a journey of recovery with stops in the places known for having the best Italian handicraft, from the North to South of the peninsula, in search of quality Articles, where the “Made in Italy” is still done by hands that process the raw material according to the most ancient traditions. Waiting for the bus reinterprets these unique pieces in a contemporary way, it transforms them by customizing decoration, colors and functions of use. The challenge is to make something with a millennial history modern, without losing its memory. The know-how as a bridge between the past and the present. Tradition that becomes design and dictates the rules of an aesthetic without time or boundaries.

Germana Scapellato Sicilian by birth and Milanese for 20 years, attended the Istituto Europeo di Design in Milan after her studies in Law. In 2013 she founded waiting for the bus, where her great passions lay: travels, art, home as a place of the heart and hospitality.